Unua paĝo
Nia teamo
Kontaktoj
Pri ni

    ĉefpaĝo


Altre informazioni

Elŝuti 386.3 Kb.

Altre informazioni




paĝo2/5
Dato01.12.2017
Grandeco386.3 Kb.

Elŝuti 386.3 Kb.
1   2   3   4   5

Hai mai visto una lingua, la cui grammatica sta su un solo foglio?

L’alfabeto e la sua pronuncia


Ogni lettera si pronuncia e si scrive sempre come si sente: dunque non si possono fare errori di ortografia! Ma in Esperanto, le lettere Q, W, X e Y non esistono. In compenso, ci sono 6 nuove lettere Ĉ, Ĝ, Ĥ, Ĵ, Ŝ e Ŭ con pronunce diverse (indicate in parentesi)

A, B, C (z), Ĉ (cia, ce, ci cio, ciu), D, E, F, G (ga, ghe, ghi, go, gu), Ĝ (gia, ge, gi, gio, giu), H (aspirata), Ĥ ( molto aspirata), I, J (i), Ĵ (il francese «journal»), K, L, M, N, O, P, R, S, Ŝ (sci), T, U, Ŭ (u breve), V, Z (di rosa).

In Esperanto, l’accento cade sempre sulla penultima sillaba.




LE FINALI

Nessuna eccezione in Esperanto !

Tutti i nomi finiscono per o

parol+o = il parlare, l’esprimersi

gli aggettivi per a



parol+a = orale,

gli avverbi derivati per e



parol+e = oralmente

i verbi all’infinito per i



parol+i = parlare

i plurali per j



parol+o+j = le parole, le espressioni
Un solo articolo determinato in Esperanto: la ; per tutti i nomi maschili, femminili, singolari, o plurali: la parolo = il parlare, la paroloj = le espressioni. Non c’è l’articolo indeterminato: parolo = un’espressione, paroloj = delle espressioni.

I PRONOMI PERSONALI


mi (io) vi [o ci, poco usato] (tu), li (lui), ŝi (lei), ĝi (esso per cose o animali), oni (si impersonale), ni (noi), vi (voi), ili (essi), si (si, pronome riflessivo).

Aggiungendo la lettera a al pronome personale, si formano i possessivi: mia, via, lia... = mia, tua, suo ... la mia... = la mia...



CONIUGAZIONE DEI VERBI


La stessa finale per tutte le persone di tutti i tempi (nessun verbo irregolare):

+as = presente

+is = passato

+os = futuro

+us = condizionale

+u = volitivo

+i = infinito

paroli, mi parolas = parlare, io parlo

li parolus, ŝi parolus = lui parlerebbe, lei parlerebbe

ni parolis, ili parolis = noi parlammo, essi parlarono

oni parolos =si parlerà, (vi) parolu! = parla! Esprimiti !

I PARTICIPI

presente passato futuro

indicativo +as +is +os


participio attivo +ant-a +int-a +ont-a

participio passivo +at-a +it-a +ot-a
participi attivi:

mi estas kantinta = io ho cantato

mi estas kantanta = io sto cantando

mi estas kantonta = io sto per cantare

vi estis skribinta = tu avevi scritto

vi estis skribanta = tu stavi scrivendo

vi estis skribonta = tu stavi per scrivere

ŝi estos foririnta = lei sarà già partita

ŝi estos foriranta = lei starà partendo

ŝi estos forironta = lei starà per partire

participi passivi:

la akvo estas trinkita = l’acqua è stata bevuta

la akvo estas trinkata = l’acqua è bevuta (ora)

la akvo estas trinkota = l’acqua sta per essere

bevuta


la pano estis manĝita = Il pane fu mangiato

la pano estis manĝata = Il pane era mangiato

la pano estis manĝota = Il pane stava per essere

mangiato


la foto estos vidita = la foto sarà stata vista

la foto estos vidata = la foto sarà vista

la foto estos vidota = la foto starà per essere

vista


ACCUSATIVO


Per indicare il complemento oggetto, si mette la lettera n alla fine del nome e del suo aggettivo, o del pronome personale. L’accusativo -n dopo un avverbio o complemento di luogo serve ad indicare il complemento di moto a luogo ed in tal caso ne sostituisce la preposizione e serve anche ad indicare il complemento di tempo

mi trinkas akvon (akv+o+n) = io bevo acqua

mi amas vin (vi+n) = io amo te

mi iras Parizon (Pariz+o+n) = io vado a Parigi

mi venos lundon (lund+o+n) = Io verrò lunedi
INTERROGATIVO

Per fare una domanda si mette la parola ĉu all’inizio della frase:



ĉu li manĝas? = Lui mangia?

- jes, li manĝas = si, mangia

- ne, li trinkas = no, beve
NEGAZIONI

Per fare una frase negativa, è sufficiente mettere la parola ne subito prima dell’oggetto, che si nega.



mi ne kantas = io non canto

ne mi kantas, sed iu alia = non sono io che canto

ma un altro



I CORRELATIVI





i-
Indefinito

ki-
interrogat.

& relativo



ti-

dimostrav.



ĉi-

collettivo



neni-

negativo


+u

indivi-


dualità

iu
qualcuno

kiu
chil, che

tiu
quello

ĉiu
ogni

tutto


neniu
nessuno

+o

oggetto


io
qualcosa

kio
cosa, che

tio
quello, ciò

ĉio
tutto

nenio
niente

+a

qualità


ia
di qualche tipo

kia
quale tipo, che

tia
quel tipo

ĉia
di ogni tipo

nenia
nessun tipo

+e

luogo


ie
in qualche parte

kie
dove

tie


ĉie
ovunque

nenie
da nessuna parte

+am

tempo


iam
una volta

kiam
quando

tiam
allora

ĉiam
sempre

neniam
mai

+el

maniera


iel
in qualche modo

kiel
come

tiel
così

ĉiel
in tutti i modi

neniel
in nessun modo

+al

causa


ial
per qualche ragione

kial
perché

tial
perciò

ĉial
per tutte le ragioni

nenial
per

nessun motivo



+om

quantità


iom
un po’

Kiom
quanto

tiom
tanto cosi

ĉiom
ogni quantità

neniom
nessuna quantità

+es

possesso


ies
di qualcun

kies
di chi

ties
il di cui

ĉies
di tutti

nenies
di nessuno






I NUMERI

cardinalI:

unu (1), du (2), tri (3), kvar (4), kvin (5), ses (6), sep (7), ok (8), naŭ (9), dek (10), cent (100), mil (1000), miliono (milionI), miliardo (miliardi)

dek du (dodici) = 12, dudek unu (ventuno) = 21



mil naŭcent naŭdek sep = 1997

ordinali = il numero + a

(la) unua, dua... = (il) primo, secondo ...

avverbi = il numero + e

unue, due... = principalmente, in secondo luogo...

sostantivi = il numero + o

deko, dekduo, cento = decina, dozzina, centinaio

multipli = il numero + obl + a

duobla, triobla... = doppio, triplo...

frazioni = il numero + on + o

duono, triono, kvarono... = metà , un terzo, un quarto...

gruppo = il numero + op + o

duopo, triopo, kvaropo... = coppia, terzetto, quartetto…



SUFFISSI


Lettere messe tra la radice e la finale delle parole:

nomi di persone:

+ ul (individuo): juna = giovane, junulo = giovane

+ an (membro): urbo = città, urbano = cittadino

+ ist (professione): pano = pane,

panisto = panettiere

+ in (femminile): patro = padre, patrino = madre

+ id (discendenza): koko = gallo kokido = pulcino

+ estr (responsab.): urbo = città, urbestro = sindaco

nomi di cose:

+ aĵ (cosa concreta): trinki = bere, trinkaĵo = bevanda

+ il (strumento): tranĉi = tagliare,

tranĉilo = coltello

+ ar (insiemi): arbo = albero, arbaro = bosco

+ er (elemento): neĝo = neve, neĝero = fiocco

+ ej (luogo): panejo = panetteria

+ uj (contenitore): supo = zuppa, supujo = zuppiera

+ ing (fodero): kandelo = candela

(contenitore parziale) kandelingo = candelabro

nomi astrati::

+ ec (qualità): bela = bello, beleco = bellezza

+ ism (sistema,dottrina): nacio = nazione,

naciismo = nazionalismo

Qualificazioni:

+ ebl (possibilità): manĝi = mangiare,

manĝebla = mangiabile

+ em (inclinazione): kredi = credere,

kredema = credente,

+ ind (degno di): ridi = ridere,

ridinda = da ridere, ridicolo

+ end (obbligo): pagi = pagare,

pagenda = da pagare

verbi:

+ ig (far diventare): sidi = essere seduto,
sidigi
= far sedere

+ iĝ (diventare): sidiĝi = sedersi

suffissi universali:

+ et (diminutivo): domo = casa, dometo = casetta

+ eg (accrescitivo): domego = casona, palazzo

+ aĉ (dispregiativo): domaĉo = casaccia (brutta)

+ ad (continuazione): parolo = il parlare,

parolado = discorso

+ um (altri casi): akvo = acqua,

akvumi = bagnarsi

PREFISSI

Lettere poste prima della radice:



bo+ (parentela acquisita): bopatro = suocero

ge+ (entrambi i sessi): gepatroj = genitori

eks+ (passati=ex): eksministro = ex-ministro

pra+ (qualità antica): avo = nonno,

praavo = bisnonno

fi+ (deprecazione): knabo = ragazzo,

fiknabo = regazzaccio

dis+ (separazione): doni = dare, disdoni = distribuire

mal+ (contrario): bela = bello, malbela = brutto

mis+ (errore): fari = fare, misfari = far male

ek+ (inizio): ridi = ridere,
ekridi
= mettersi a ridere

re+ (ripetere): fari = fare, refari = rifare
CREAZIONE DELLE PAROLE

Esperanto è quasi un gioco di costruzioni: basta incollare le finali alle radici. Poi, si possono creare parole con suffissi e prefissi, o semplicemente unendo delle radici



vapor+ŝip+o (vapore+barca) = barca a vapore

okul+vitr+o+j (occhi+vetro) = occhiali

sam+temp+e (stesso+tempo) = contemporaneamente




COMPARATIVI
minoranza: malpli... ol = meno … di

maggioranza: pli...ol = più …. di

pli granda ol mi = più grande di me

eguaglianza: tiel... kiel = così …. come

tiel stulta kiel vi = cosi stolto come te

superlativo relativo: la plej = la più, la malplej = la meno

superlativo assoluto: tre+aggettivo: tre varma= molto caldo , varmega
CONGIUNZIONI

subordinate: ĉar = perché, kvankam = benché,

ke = che, kvazaŭ = come se, se = se

coordinate: sed = ma, aŭ = o, kaj = e, do = allora, dunque, nu = ebbene, nek = ne
AVVERBI INVARIABILI

hieraŭ = ieri preskaŭ = quasi

hodiaŭ = oggi apenaŭ = appena

morgaŭ = domani nur = solo nun = ora

almenaŭ = almeno ĵus = appena

ankaŭ = anche tuj = subito = perfino baldaŭ = presto tre = molto jam = già tro = troppo ankoraŭ = ancora for = via
PREPOSIZIONI

al = a (verso) antaŭ = prima di apud = vicino a

ĉe = presso ĉirkaŭ = intorno ekster = fuori

de = da dum = mentre, durante ekde = da (tempo)

el = uscita, compl. materia en = in ĝis = fino a

inter = tra kontraŭ = contro krom = oltre

kun = con sen = senza laŭ = secondo

malgraŭ = nonostante por = per (vantaggio) post = dopo

pri = di (argomento) pro = a causa di sub = sotto

per = con (mezzo) sur = sopra con contatto tra = attraverso

anstataŭ = al posto di malantaŭ = dietro

super = al di sopra senza contatto trans = oltre
CONVERSAZIONE

saluton! = salve, ciao ĝis revido! = arrivederci!

bonan tagon! = buon giorno !

bonan nokton! = buona notte!

mi nomiĝas... = mi chiamo...

kiel vi fartas? = come stai ?

bone, dankon = bene, grazie

ju pli... des pli... = quanto più ... tanto più...

nek... nek... = né...né... ĉu... ĉu... = sia... che...
Ĉu vi komprenis ĉion ? se si, significa, che tu ora conosci tutte le basi dell’Esperanto, e puoi fare pratica con la lingua! 

Qualche esercizio per fare pratica ...

1   2   3   4   5


Elŝuti 386.3 Kb.

  • CONIUGAZIONE DEI VERBI
  • I PARTICIPI
  • A CCUSATIVO
  • I CORRELATIVI
  • SUFFISSI

  • Elŝuti 386.3 Kb.